#IlCaldoDaAllaTesta


Estate: i capelli sono più leggeri. La pelle è più scura. L’acqua è più calda. Le bibite sono più fredde. La musica è più forte. Le notti si allungano. La vita migliora. Ma la gente rompe di più i coglioni.”

È ufficialmente iniziata l’estate, quest’anno il tempo è balengo, nemmeno lui sa quello che deve fare, un giorno ci sono i pinguini e il giorno dopo ti ritrovi catapultato in quel clima che è una via di mezzo tra Amazonia e Sahara. Ha rotto tre quarti di minchia… cazzarola, deciditi! Perché non puoi svegliarti con il sole, vestirti leggero se poi il pomeriggio immancabilmente deve grandinare come se non ci fosse un domani, che poi… grandine grossa come sassi, cazzo è? L’apocalisse di San Giovanni? Questo voleva essere un breve riassunto di quella che è l’estate 2016.calippo

 Dio mio come odioH l’afa  di Milano, ti si appiccica addosso come fosse miele, non puoi deambulare liberamente perché ogni movimento favorisce la sudorazione del tuo corpo, allora tutto diventa un rallenty una “moviola” alla Fantozzi. Io posso ritenermi molto fortunato, perché grazie a Dio ho il dono del Ph dolce/miele, potrei sudare nella maniera più improbabile, ma mai e dico MAI puzzerò. Ahimè non tutti sono così fortunati, diciamo che l’estate non favorisce queste persone. Sono pecorini ambulanti, li trovi sull’autobus, in metrò, al supermercato, al lavoro, dietro l’angolo, sono ovunque! Purtroppo “l’arte” del lavarsi per molti rimane una materia oscura, un qualcosa di enigmatico, come l’acqua benedetta sul demonio. Non smetterò mai di ripetere che il profumo, anche se fosse il più delizioso del mondo, non servirebbe a nulla senza prima detergere, perciò ricordate: prima l’acqua, poi il profumo. Odio il caldo in generale. In estate a Milano odio soprattutto la canotta, l’ascella pelosa e sudaticcia, quella che odora di cipollotto misto scalogno, quel fetore che riesce a bruciare il setto nasale, porca troia *L A V A T E V I*

Molte persone con l’arrivo dell’arsura Milanese impazziscono letteralmente, non che durante il resto dell’anno sia diverso, ma diciamo che l’estate esalta i disagiati mentali. La gente impazzisce, urla, si uccide, vede la madonna e lo spirito santo. Il caldo favorisce l’arte della negromanzia e più mi guardo intorno più vedo pazienti degni di essere ospitati all’Asilum. Cammini per strada, sei felice perché probabilmente oggi avrai una gioia, vedi in lontananza una ragazza che sembra essere una tua amica, allora gaudiosamente saltelli da lei, la saluti “Tesoro come stai?” Questa si blocca, sgrana gli occhi, incomincia a squadrarti dalla testa ai piedi, schifata ti lancia un’occhiata malefica e scappa. Sei in fila dal salumiere, aspetti il tuo turno con il numero in mano, tocca a te, ma ti passa davanti un buzzurro (che io appello come “Zingaro Italiano”) e con fare spocchioso dice “Servi me, servi me.” In questo caso le cose sono due: la prima potrebbe essere quella di prendere una bottiglia, spaccarla e colpirlo per poi arrivargliela in testa selvaggiamente; la seconda invece (più ragionevole) consiste nel mordere una bestemmia tra le labbra, augurargli di bere un calice di Cicuta e sorvolare. Poi il caldo ti fa vedere cose che non esistono, sentire voci nella testa, insomma è un vero pericolo e pochi rimangono illesi.zingaro-italia5

Ogni giorno, da Giugno fino a Settembre, è tutto un “Hai prenotato le ferie?”, “Io sto per partire, tu lavori?”, “OddioH ancora qua?” e cosi via… insomma una continua sfida con quello che dovrebbe essere il tuo self-control. Davvero ragazzi, moltissime volte mi assale quella voglia di saltare al di là del banco per prendere a cazzotti i clienti, veramente tediosi, sfacciati, simpatici come tre dita nel culo… Ecco a tutti questi auguro un severissimo Fisting anale, una gang-bang di MONSTER COCK, e credetemi sono stato delicatissimo. Dove sono finiti il rispetto, l’educazione, il saper tacere? Tutte qualità ormai perdute. Io giuro su Gemma Galgani che non vedo l’ora arrivi il mio momento, le mie ferie: quel giorno alzerò il braccio e sfodererò il mio splendente medio. Ne ho proprio bisogno, troppo stress accumulato… Oppure sarà l’ovulazione? Chissà.

Poi le persone partono, ma non di quelle che non te ne può fregare una cippa, partono quelle che sai ti mancheranno, quelle persone con cui hai condiviso chiacchierate lunghissime, quelle che “Parla pure che ascolto”, parte quell’amico che sul terrazzo ha saputo apprezzare il tuo Gin Tonic al rosmarino, quello che hai volutamente tentato di far ingrassare perché ti sembrava troppo “secco”, parte quell’amico che non sai se mai tornerà, quello sconosciuto che ha passato le avventure di 50 Sfumature di “Gigio”.alcohol

Ecco odio l’estate, non sono capace di regalare addii, preferisco sempre un “arrivederci amico”… tanto poi arriva settembre, il clima si raffredda e il mio forno potrà sfornare ancora lasagne e PASTA DECISAMENTE ASCIUTTA. Speriamo che il clima continui su questa onda, magari con qualche momentino in più di fresco, niente pioggia per le serate a venire e tanti, tantissimi Japanese Ice Tea.


Capisci di aver veramente caldo quando lasci penzolare il piede fuori dal letto, fregandotene del mostro che te lo potrebbe mangiare”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...